Nasce il “Pietro D’Agostino Cooking Lab”

13 luglio 2014

1 LUGLIO 2014
A Taormina nasce un’idea nuova, per il gusto di una sfida contemporanea in una terra antica.
Pietro D’Agostino Cooking Lab è l’espressione moderna di una tradizione, quella culinaria, che si ripete quotidianamente sulle tavole di tutte le case del mondo.
Il gioco estroverso di colori, misti a sapori vivaci, riaffiorano in un ambiente ricercato e di nuova concezione. La freschezza e genuinità di ingredienti dalla forte impronta territoriale diventano i protagonisti di un ambiente domestico, la cucina, concettualmente rivisitato alla luce delle ritrovate tendenze di forme e colori di una tradizione mai declinata.
Maioliche ripulite dagli eccessi del tempo, pietra e legno naturali, tecnologie pure ed essenziali: questo il palcoscenico su cui Pietro D’Agostino anima pesci, verdure e carni della sua terra.
E poi le mani, sapienti; gli occhi, svelti; la fantasia, mai sopita: Pietro D’Agostino Cooking Lab racconta la storia di un popolo, quello siciliano, girovago, curioso, attento, sagace. Ed è anche la storia di mille invasioni, di infinite combinazioni di gusto che si ritrovano, essenziali, sulla pietra viva di un banco da lavoro sapientemente cesellato da un artigiano di Caltagirone.
Pietro D’Agostino Cooking Lab è dedicato a chi mangia, a chi assapora, a chi si incuriosisce, a chi gioca con il gusto …e a chi non sa cosa il gusto sia.Per coloro i quali mangiare è un mestiere, per chi del mangiar bene vuole farne un mestiere; per chi, da piccolo vuole imparare a mangiare responsabilmente e per chi vuole sapere di più, curiosando fra le pagine di un ricettario scritto da un abile amanuense.

DICONO DI PIETRO

Nel cielo Taorminese brilla una stella: quella dello chef Pietro d’Agostino. Che suggerisce gli indirizzi di spacci e botteghe d’autore, custodi di prodotti naturali e presidi Slow Food. Gli stessi che fanno grande la sua cucina, tutta orgogliosamente siciliana.
Pietro affonda le radici in questa porzione di Trinacria sovrastata dal cielo terso e lambita dai flutti ionici. Pietro D’Agostino nasce infatti a Taormina e frequenta l’accademia culinaria più prestigiosa dell’isola, punto di partenza per una carriera internazionale costellata di successi. A 21 anni cucina all’Hyde Park di Londra per illustri personaggi inglesi. A 23 anni inaugura il ristorante del Grand Hotel Costa Esmeralda, uno degli alberghi più importanti del Costa Rica. A 24 anni prepara presso il Dorchester della capitale britannica un banchetto raffinatissimo per il sultano del Brunei. A 26 anni si imbarca sulla Disney Cruise Line (Walt Disney World Group) e firma la ristorazione italiana per tutti i più importanti uomini politici che accorrono in Florida. A 28 anni diventa l’executive chef del ristorante Torpedo dell’Hotel Le Meridien Lingotto di Torino: con la sua brigata cucina abitualmente per i giocatori e lo staff dirigenziale della Juventus. A 30 anni dirige un team di 22 cuochi presso il ristorante Il Gattopardo del Grand Hotel Mazzarò Sea Palace, il più rinomato cinque stelle lusso della Perla dello Ionio. A 31 anni, dopo un peregrinare durato oltre dieci anni, Pietro corona finalmente il suo sogno: aprire un suo ristorante dove esprimere tutte le ricchezze della cucina siciliana, elaborandole però con una creatività intelligente e innovativa.
Dopo dieci intensi anni di successi, Pietro continua la sua scommessa con una vita fatta di incontri, di curiosità e di passione; e Pietro inaugura così la sua nuova avventura verso un orizzonte di infinite scoperte.

Antonia Cosentino
About the author