“La stella Michelin Pietro D’Agostino, ambasciatore della cucina siciliana nel mondo, ospite del Priceless di Milano per una tre giorni dedicata al jet set internazionale”

13 ottobre 2015

Milano, 9 ottobre 2015 – La Sicilia gastronomica a tavola nell’esclusivo temporary ristorante Priceless a Milano, in cima a Palazzo Beltrami, sede di Gallerie d’Italia e polo museale di Intesa Sanpaolo, grazie al suo ambasciatore Pietro D’agostino, chef prima stella Michelin, che in una esclusiva tre giorni ha deliziato i palati del jet set internazionale.

Dopo la maison Cartier, ospite mercoledì sera, anche Vanity Fair ha scelto Pietro D’agostino per la cena ieri sera,  in onore dell’attore Luca Argentero.

La struttura moderna, voluta da Mastercard  in occasione dell’Expo 2015, con affaccio su piazza della Scala, è un luogo unico, punto d’incontro tra la nostra tradizione e la cucina mondiale, con la caratteristica di avere un unico tavolo conviviale con 24 coperti riservati a pochi intimi, e che da maggio ad oggi accoglie a rotazione chef stellati italiani e internazionali, appartenenti alla prestigiosa associazione Jeunes Restaurateurs d’Europe.

Protagonista per tre giorni dunque,  lo chef siciliano Pietro D’agostino, che  per l’occasione ha scelto  gli ingredienti della tradizione culinaria dell’Isola.

Dagli agrumi che insaporiscono Petali di pesce al sale di Mothya,  ai capperi,  pomodorini e mandorle che arricchiscono, invece, il polpo arrosto, un vero must per il patron de la Capinera di Taormina che ha battezzato il piatto Passeggiata per la Sicilia.

Ed è ancora lunga la carrellata di pietanze preparate per l’occasione: un Tiepido di baccalà servito con patate, lattuga e mosto di uva, gli Agnolotti con frutti di mare in ristretto di crostacei e spigola con crema di melanzane e miele di carrubo. Per finire il dolce: ricotta, pere e pistacchio. Non potevano mancare i vini: due Nerello mascalese doc, il “Ciuri “del 2013 e un Cirneco del 2009 delle cantine Terrazze dell’Etna.

Antonia Cosentino
About the author